Samsara Blues Experiment – Revelation & Mystery: atmosfere doom e psychedelic rock in questa band tedesca, un'esplosione di energia. Un tocco magistrale delle corde delle chitarre che solo grandi gruppi di fine secolo scorso sapevano realizzare. Vi lascio la curiosità di ascoltare una chicca, il brano Zwei Schatten Im Schatten.

Tides From Nebula – Earthshine: per ritrovare un momento più tranquillo in voi, vi consiglio questo gruppo post-rock di origine polacca. Ci si lascia davvero cullare dalle loro note, anche quando l'uso delle chitarre è più marcato. Metteteli in cuffia e lasciatevi sprofondare negli abissi dello spartito.

Midori Takada – Through The Looking Glass: per gli amanti dell'uso sperimentale delle sonorità, un album risalente al 1983, ipnotico e pieno di magia. 4 brani in 40 minuti in una surreale composizione di suoni, che rende davvero l'idea di un paesaggio da Alice nel Paese delle Meraviglie.

Koan – When The Silence Is Speaking: definirlo semplicemente psychedelic chill out è troppo riduttivo, soprattuto in brani quali Selena's Song e soprattutto Dance Of Nereids. Un compositore Jazz del genere elettronico/strumentale.

Gregory and the Hawk - Moenie and Kitchi: lasciamoci accompagnare da questa dolcissima poli-strumentista statunitense, il cui nome è Meredith Godreau. Perdiamoci in qualcuno dei sogni che abbiamo nella testa, mentre nel nostro corpo risuonerà la sua melodiosa voce.

Lights & Motion – Reanimation: dal freddo nordico della Svezia nascono queste composizioni strumentali post-rock/alternative che ci ricordano gli accompagnamenti di film d'avventura e che hanno il potere di darci una grande carica e di rianimarci, proprio il titolo perfetto dell'album.

Agalloch - The White: andiamo un po' indietro negli anni con questo album metal, dark/ambient originario degli States. Uno dei loro migliori album. Malinconici e cupi scenari in cui solo le anime dark sanno trovare una profonda gioia.

Rising Appalachia - Filthy Dirty South: dalla miscela esplosiva di banjo, violino, tamburi, kalimba, conga, didgeridoo, darbuka, washboard, varie percussioni e cucchiai si ottengo dei brani dalla nota folk and soul. Molto bella la loro interpretazione della canzone di origine bulgara Zavedi Me Lalino. Queste sorelle polistrumentiste statunitensi, Leah e Chloe, sanno farci sentire parte integrante del sound di tutto il mondo, un'unica vibrazione mondiale.

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la navigabilità e monitorare l'attività web del sito. Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie di questo sito.