Concerto - 3 giugno 2017 h 21.30 - Ingresso libero

Apertura bar/ristorante alle ore 19.30 (aperitivi, pizza, farinata, cocktail, birra, vino).

Mother Island è un luogo surreale, bizzarro e lunatico dove sei musicisti fanno riemergere le loro primordiali influenze. Mother Island è "Un Teatro Magico, Solo Per Pazzi". Mother Island sta tutto negli occhi di chi guarda.
Il loro sound è stato descritto come “il caldo torrido della psichedelia westcoastiana filtrato da una lisergica nebbia britannica”; nel progetto finiscono infatti le primordiali influenze di ogni membro, sintetizzate attraverso una personale reinterpretazione del rock visionario degli anni ’60.

 

mother island artA febbraio 2014 i Mother Island entrano all’Outside Inside Studio di Matt Bordin (Mojomatics, Squadra Omega) per la registrazione del primo full-lenght, Cosmic Pyre: 12 tracce registrate interamente in analogico, che vengono rilasciate a gennaio 2015, su vinile, da Go Down Records. A dicembre 2015 la band torna presso lo studio di Matt Bordin per registrare il secondo disco, Wet Moon, che è stato rilasciato ad ottobre 2016 sempre da Go Down Records.

Si definiscono malinconici i Mother Island e la loro musica ne esalta gli stati d'animo come la luna piena che si specchia sull'acqua: ecco spiegato il titolo dell'album, frutto di una notte dissoluta passata a vagare in barca tra i canali dopo un concerto a Venezia. Un flusso di coscienza che trasuda esperienze lisergiche e viaggi interiori, in cui la voce di Anita Formilan esorcizza demoni e spettri di un immaginario nero à la Velvet Underground. Il suono che ne esce però è caldo e avvolgente, ammiccante e sensuale, grazie anche al lavoro di produzione di Matt Bordin, che si è avvalso unicamente di strumenti analogici e di un registratore Studer a 24 piste.

Ascoltali su Spotify:

Questo sito utilizza i cookies per migliorare la navigabilità e monitorare l'attività web del sito. Per avere ulteriori informazioni, consulta la nostra Privacy Policy.

Accetto i cookie di questo sito.